Skip to Content

Un “Lo voglio” usato: le tendenze di risparmio nei matrimoni

Shpock: sempre più futuri sposi in Italia acquistano oggetti di seconda mano per il loro grande giorno

Quando le campane del matrimonio suonano, i soldi se ne vanno. Poichè alcuni matrimoni da sogno arrivano a costare fino a 80,000 Euro, è comprensibile che sempre più futuri sposi optino per l’oggettistica di seconda mano. Acquistare accessori usati per il matrimonio non solo aiuta a risparmiare soldi, ma è anche ecosostenibile. Un’analisi condotta da Shpock, l’app mercatino, dimostra che un abito da sposa usato viene venduto ad un prezzo medio di 200€.

Giusto in tempo per l’alta stagione, Shpock sta notando un aumento della domanda dei prodotti legati al matrimonio.

“Gli oggetti di seconda mano non sono più considerati squallidi” afferma Laura Di Lelio, portavoce di Shpock. “È piuttosto uno stile di vita che attraversa diverse fasi: oggigiorno si regalano oggetti usati, il vintage è tornato di moda e anche per un matrimonio vengono sfruttate tutte le risorse possibili per cercare di risparmiare." 

Un’analisi svolta su circa 8000 abiti da sposa in vendita all’interno di Shpock, l’app-mercatino, mostra che:

  • Ci sono abiti per tutti i gusti – lunghi, corti, classici o da principessa, color crema o bianchi con i fiori.
  • Il prezzo medio di vendita di un abito da sposa è 250€
  • Il maggior numero di abiti da sposa viene venduto tra settembre e ottobre, seguito dai caldi mesi di marzo e aprile.

Come risparmiare soldi

Tuttavia, l’abito da sposa non è l’unico oggetto con un grande potenziale di risparmio. Anche le decorazioni riciclate vanno di moda. Subito dopo il matrimonio, molte coppie si ritrovano la casa piena di addobbi e accessori, spesso usati solo una volta e quindi in perfette condizioni o addirittura nuovi perchè acquistati in eccesso, e sfruttano questa opportunità per trasformare le rimanenze in soldi.

Queste decorazioni sono perfette per essere acquistate o vendute sui mercatini online (vedi foto di alcuni esempi di seguito):

  1. Oggetti decorativi: portacandele, segnaposto, lettere decorative (come “Mr & Mrs”), tovaglie, coprisedie, portafoto...
  2. Outfit delle damigelle d’onore: vestiti, scarpe, borse, accessori per capelli...
  3. Accessori per gli ospiti: confezioni regalo, scatoline per confetti, scarpe comode (come infradito o ballerine), occhiali da sole, cappelli, coperte...
  4. Accessori per foto divertenti: sciarpe di piume, baffi finti, occhiali divertenti, cappelli strani...
  5. Materiale per l’addio al nubilato/celibato: gadget divertenti come preservativi, costumi, giochini alcolici...
Contattaci
Laura Di Lelio PR Manager Italy, Shpock
Laura Di Lelio PR Manager Italy, Shpock
Maggiori informazioni su Shpock - l'app-mercatino delle belle cose

Su Shpock - il mercatino della nuova generazione

Shpock è un mercatino portatile che unisce milioni di acquirenti e venditori privati. Le categorie spaziano dall’elettronica, alla moda e all’arredamento, ma anche ad interessi particolari, come auto ed immobili.
Shpock ha più di 10 milioni di Utenti Attivi e oltre 2 miliardi di Page Impressions.
Questi numeri, uniti a regolari #1 posizioni nelle classifiche di App & Google Play Store in 6 Paesi (Germania, Gran Bretagna, Italia, Austria, Svezia e Norvegia), fanno di Shpock una delle applicazioni per lo shopping più accessibili d’Europa.

Fatti e Numeri
- App per lo Shopping in Cima alle classifiche in 6 Paesi (Germania, Gran Bretagna, Italia, Austria, Svezia e Norvegia)
- Oltre 10 Milioni di Utenti Attivi ogni mese
- Oltre 2 Miliardi di Page Impression al mese
- Prodotti in oggetto di scambio del valore complessivo di più di 6 miliardi di euro
- Un team di 180+ persone, provenienti da più di 30 nazioni diverse, responsabile del successo della app

Riconoscimenti recenti
- Apple ha premiato la App nella classifica “Il Meglio del 2017” per la categoria “Sostenibilità”
- Google ha inserito Shpock nella classifica “Android Excellence App del 2018”
- Vincitore del premio “Mercatini Privati” nei “Migliori Portali Online della Germania 2018” dell’Istituto Tedesco per il Servizio Qualità