I regali non graditi inondano i siti di annunci online

Un italiano su due, tra i 25 e i 44 anni, non è soddisfatto dei regali che ha ricevuto a Natale – alta stagione per i siti online dell’usato.

Lunedì 19 dicembre 2016 — Mentre il periodo prenatalizio è un vero boom di incassi per i retailer classici, il giro d’affari sulle piattaforme dell’usato inizia proprio il giorno dopo Natale. Le possibilità di concludere velocemente un affare sono altissime: secondo uno studio commissionato da Shpock[1], l’app-mercatino degli annunci, il 37% degli italiani lo scorso anno ha ricevuto un regalo che non ha mai usato.

 

[1] Indagine online realizzata da YouGov, su un campione di 1002 intervistati. I dati sono stati pesati e rappresentano l’intera popolazione adulta italiana

“Un CD di Eros Ramazzotti per un fan di heavy metal, un libro di ricette vegane per un amante della carne, una fascia cardio per un pantofolaio” la lista di potenziali regali poco graditi è lunga. Un’indagine commissionata da Shpock ha rivelato quante persone non sono davvero soddisfatte dei loro regali: il 37% della popolazione italiana adulta ha ricevuto un regalo negli ultimi 12 mesi che non ha mai usato. Questo dato supera il 50% per gli italiani tra i 25 e i 44 anni. Un italiano su quattro che ha ricevuto un dono indesiderato usa le piattaforme online per sbarazzarsi degli articoli e guadagnare un po’ di denaro extra.

Con i doni meno graditi scatta subito la corsa al riciclo online

Questa tendenza offre numerosi benefici: si possono evitare negozi e centri commerciali affollati durante le feste e non bisogna trovare il coraggio per chiedere lo scontrino all’autore del regalo. Solo il 5% degli Italiani osa farlo - la maggioranza, trovandosi di fronte a un regalo di cattivo gusto, resta in silenzio: 1 italiano su 100 ha il coraggio di restituire il regalo al mittente.

Non bisogna stupirsi se il “dopo Natale” rappresenta l’alta stagione per le piattaforme online dell’usato. Questo fenomeno è confermato da Katharina Klausberger, co-fondatrice di Shpock. “Il numero dei regali messi in vendita raggiunge il picco in questo periodo. Sono in migliaia gli articoli inseriti sull’app-mercatino ancora con la confezione originale intatta - alcuni senza essere stati nemmeno usati. Nel 2015, su Shpock si è notato un aumento del 50% degli articoli inseriti con la descrizione “regalo indesiderato” nell’ultima settimana di dicembre rispetto alla settimana prima di Natale. Durante la terza settimana di gennaio, il numero di “regali indesiderati” ha raggiunto il picco massimo del +136%. Questo è per Shpock, l’app-mercatino uno dei periodi più cruciali di tutto l’anno.

Articoli hi-tech e super tecnologici in vendita

Accanto ai regali poco graditi si nota un’altra tendenza che guida il traffico post-natalizio di utenti verso le piattaforme online dell’usato: il passaggio ad un nuovo modello. A Natale si ricevono numerosi nuovi articoli che sostituiscono quelli vecchi. “Riscontriamo questa tendenza soprattutto nella categoria “elettronica” sostiene Klausberger. Secondo Shpock, tra i regali più ricorrenti sotto l’albero ci sono le ultime versioni di articoli hi-tech come smartphone, TV, tablet, laptop e console da gioco. Questi articoli rimpiazzano i vecchi modelli che vengono venduti velocemente - e ad un prezzo conveniente.

 

 

Contattaci

Nicoletta Rispoli

PR Manager Italy

Shpock